Stampa

Invito alla Rete INFEAS - CEAS della Sardegna all’incontro tra CAMPOS e il mondo dei beni culturali materiali e dei beni ambientali della Sardegna: Sardigna, ambienti e cultura. 
Belvì, 5 maggio 2018.

Gentilissimi, 
vorrei sottoporvi la seguente proposta in sintesi (quella integrale la troverete allegata) avanzata dal Coordinamento CAMPOS, che vi invito cortesemente a valutare. 
 
L'opportunità offerta dall'Associazione CAMPOS in una dimensione regionale, penso meriti un'attenta valutazione da parte di tutti noi, seppure in tempi tali da consentire agli organizzatori dell'evento del 5 maggio p.v. di poter accogliere la Rete dei CEAS. 
A riguardo, i referenti di CAMPOS si rendono disponibili per organizzare a breve un incontro durante il quale consentire il confronto diretto e operativo con la Rete INFEAS (Coordinamenti e CEAS in particolare). Vi esprimo l'esigenza di favorire i promotori dandogli una nostra risposta in tempi brevi, visto che si tratta di un'iniziativa che verrà realizzata a breve. 

 

LA PROPOSTA IN SINTESI
Il Coordinamento CAMPOS è un’associazione culturale nata nel 2015 che riunisce gli artisti che operano in Sardegna nelle arti musicali e poetiche di tradizione orale. La finalità principale del coordinamento è quella di tutelare queste forme di espressione tipiche della nostra isola, che da anni devono confrontarsi con i cambiamenti sociali, economici, culturali e della comunicazione che sono intervenuti nella vita dei sardi.

 

L’associazione culturale CAMPOS sta organizzando un incontro che si terrà a Belvì (NU) sabato 5 maggio 2018 con inizio dei lavori alle ore 9:30. La conferenza, intitolata Sardigna, ambienti e cultura, ha lo scopo di far incontrare i rappresentanti delle arti musicali e poetiche di tradizione orale della Sardegna riuniti in CAMPOS con gli operatori culturali e le associazioni che, a vario titolo, si occupano della tutela e della salvaguardia dei beni culturali materiali e dei beni ambientali della Sardegna

IL PERCHÈ DELL'INCONTRO
Nasce col progetto denominato “Sardigna aberi-mi sa janna” che prevede una serie di appuntamenti che hanno coinvolto e coinvolgeranno di volta in volta vari soggetti e ambiti.
L’incontro del 5 maggio è una tappa fondamentale perché pone al centro della discussione la relazione tra uomo e territorio, tra cultura e natura, concentrando l’attenzione sull’intimo legame che unisce i beni culturali e i beni ambientali, al fine di porre le basi per un lavoro comune di studio e di ricerca che sia alla base di azioni coese di tutela e promozione

IL VALORE DELLA RETE! UN CONCETTO CARO AI CEAS 
L’appuntamento di Belvì si inserisce in una serie di incontri attraverso i quali si intende promuovere la costituzione di una rete capace di progettare e mettere in atto iniziative di alto valore culturale, sociale ed economico, di coordinare le azioni, favorire collaborazioni e generare sinergie, accrescere la capacità di intercettare risorse non solo regionali e nazionali ma anche e in special modo europee. Una rete che possa proficuamente collaborare con la RAS nel suo complesso, con l’ISRE e con gli altri Enti Pubblici e privati che a vario titolo operano per lo sviluppo culturale, sociale ed economico della Sardegna.

IL RUOLO DELLA RETE REGIONALE INFEAS E DEI CEAS 
Dal documento dell'Associazione CAMPOS rileviamo il passaggio che forse racchiude tutti gli altri che si richiamano agli orizzonti di pensiero e azione dei CEAS. Una sorta di appello a tutte le risorse umane e intellettuali della nostra Isola di cui anche i CEAS vengono sempre più considerati, a pieno titolo, preziosi e concreti riferimenti: occorre a intervenire, a partire dalla valorizzazione dei beni ambientali, dei beni culturali materiali e immateriali e dei riti comunitari ad essi connessi, per ridare forza e credibilità alle nostre comunità, per infondere fiducia nei singoli individui, creando nuove prospettive di sviluppo (aggiungo SOSTENIBILEbasate sulle produzioni locali e sul turismo culturale e ambientale.

A questo punto, ritenendo di estremo interesse per la Rete INFEAS sia la proposta che l'obiettivo di CAMPOS e quindi il vasto mondo che esso coinvolge in quanto rappresentativo di un importante terreno di confronto e scambio, vi sottopongo la proposta allegata affinché tutti voi possiate valutarla al meglio per poi fornire cortesemente un vostro riscontro.

Spero di potervi incontrare a Belvì e assieme poter dare il nostro apporto e rappresentare la forza della nostra Rete INFEAS per cogliere e creare nuove opportunità.